Lavorare nel settore del commercio e della vendita

Il settore commerciale è più vasto di quel che sembri. Non si limita solo alle esigenze della grande distribuzione, è molto più complesso. È un settore molto dinamico per quel che riguarda l'assunzione, specialmente l'impiego dei giovani laureati. Che sia in B to B (business to Business) che raggruppa l'insieme delle relazioni commerciali tra due aziende, o in B to C (Business to Consumer), sapere vendere non s'improvvisa.

Le caratteristiche del settore commerciale

Il commercio è, per definizione, uno scambio retribuito di beni o di servizio. L'arrivo del e- commercio ha dato un tocco di rinfresco ai settori del commercio e della vendita e ha rivoluzionato i modi di consumazione. L'esperienza dell'utente e la relazione clientela sono in primo piano. Il commercio è dunque più vasto del semplice B to C, c'è per esempio il B to B e il settore immobiliare, l'e-commercio, il settore automobilistico e quello assicurativo. Le assunzioni nel commercio sono importanti, sono proposte delle assunzioni per contratti a durata indeterminata. Ciononostante i contratti a durata indeterminata sono maggiormente a tempo parziale.

Quali sono le qualità di un buon commercialista? Una grande forza di persuasione è richiesta in questo settore, anche una buona gestione delle relazioni. La conoscenza del prodotto venduto è ugualmente molto importante. Infine organizzazione e resistenza allo stress sono delle competenze maggiori per evolvere e realizzarsi nel commercio / vendita. Un'esperienza all'estero è molto apprezzata nelle professioni commerciali, e anche obbligatoria nel settore del commercio internazionale.

Quale università e quali istituti frequentare per lavorare nel commercio?

Per lavorare nel settore commerciale e diventare dottore commercialista, occorre innanzitutto conseguire una laurea magistrale in economia poiché questa formazione sarà necessaria per accedere all'esame di stato per l'abilitazione alla professione. Per questo, dovete iscrivervi alla facoltà di Economia e Commercio in una delle numerose università italiane. Prima di accedere all'esame di stato, è necessario compiere un tirocinio di almeno tre anni, presso uno studio commercialista o un professionista già abilitato.

Potete iscrivervi alla facoltà di Economia e Commercio in una di queste prestigiose università italiane:

  • Università degli studi di Bologna,
  • Università degli studi di Trento,
  • Università di Modena e Reggio Emilia e Università di Padova,
  • Università di Trieste,
  • Università di Venezia Ca' Foscari
  • Università delle Marche

Quali aziende assumono ?

Il settore della grande distribuzione assumendo un grande numero di giovani laureati, le aziende che assumono nel settore commercio sono per esempio Unilever, Esselunga e Despar. Molte altre aziende assumono studenti e giovani laureati diplomati in economia e commercio: Diesel, Amazon, Obi, Geox, Brico, Cogest, Yoox Group, Procter & Gamble, Upim, Tod's, Lucart Group, Snaidero, Bluespirit, Conforama, Basic Net, Nero Giardini, Design Outlet Italiano, Groupon, Leader, Bartolini Corriere Espresso, Kering, Gucci, Hermes, Leroy Merlin Italy, General Electric, Novartis, Siemens, British American Tobacco, L'Oréal, Max Mara, ABB, Desigual, Sky, Electrolux, Johnson & Johnson, Pirelli, Burberry, Philips, Nestlé, Adidas Group.

Il settore commercio assume anche nelle banche e agenzie di assicurazioni come Generali e Unicredit.

Potete ritrovare tutti gli annunci di lavoro creando il vostro profilo su Wizbii.

Stipendio nel settore commercio e vendita

Gli stipendi di un commercialista dipendono molto dai quadri, dall'azienda e dalla professione. La retribuzione lorda annuale è in media di 21000 euro.